''I wanna be'': il singolo di Zorotl (l'alieno degli Eiffel 65) | Nino Baldan - Il Blog

CERCA TRA I POST DEL BLOG

8 marzo 2020

''I wanna be'': il singolo di Zorotl (l'alieno degli Eiffel 65)

Copertina di ''I wanna be'' di Zorotl (l'alieno degli Eiffel 65)

Torniamo indietro vent'anni e parliamo degli Eiffel 65, formazione torinese responsabile delle sonorità che monopolizzarono il periodo. Utilizzo del pianoforte, voce alterata dal vocoder e l'immancabile synth melodico: quanti brani abbiamo sentito con quel sound? E quante sigle dei cartoni, interpretate per la maggior parte da Giorgio Vanni?

Il gruppo di Maurizio Lobina, Gabry Ponte e Gianfranco Randone aveva debuttato nel 1999 con il primo album, "Europop", che conteneva il singolo d'esordio "Blue (Da Ba Dee)" e i successivi "Move your body", "Too much of heaven" e "My console". Oltre a queste era presente anche "Silicon world", molto simile alle prime due, e a quanto pare ce ne sarebbe stata un'altra, "I wanna be", che però fu scartata.

Ed è qui che entra in gioco Zorotl, la loro mascotte.

Chi non ricorda l'alieno blu in CG protagonista del video di "Blue (Da Ba Dee)"? Certo, erano altri tempi, e ciò che ieri appariva "tecnologico" si mostra oggi in tutta la sua casalinghità - a partire dalle animazioni, che sono oggi ampiamente battute dalle grafica in game di un qualunque titolo per Switch. D'altronde, nel 1999 avevamo la Playstation, ci accontentavamo di tre poligoni con le texture cubettose, e i full motion video contenuti nei giochi anche se erano così andavano bene comunque.


Eiffel 65 - Blue (Da Ba Dee) (1999)

Ecco, l'alieno è Zorotl, e nel 2000 - in piena Eiffel-mania - gli fu anche affidato un singolo intitolato "I wanna be". Lo stile è inconfondibile, perfettamente in linea con "Blue (Da Ba Dee)", "Move your body" e "Silicon World", e per alcuni si tratta proprio del brano scartato dall'album, con la voce di Randone ancor più camuffata e un videoclip non dissimile da quelli a cui ci ha abituati la band di Torino.

Zorotl - I wanna be (2000)

Ammetto che "I wanna be" non la conoscevo: nel 2000 il web era ancora ai primordi, si viaggiava con il 56k e per scaricare un mp3 si impiegava un buon quarto d'ora; in tasca avevo un 3310 privo di qualunque connessione, i social non esistevano e a me, che viaggiavo di compilation tipo "Hit Mania Dance", di quel brano non aveva parlato nessuno.
Lo scoprii una decina d'anni più tardi su Youtube, e la sensazione di jamais vu che riuscì a evocarmi fu indescrivibile. I pezzi degli Eiffel 65 li conoscevo, certo, mi ricordavano la mia adolescenza, ma ormai appunto li conoscevo, e per quanto li riascoltassi non era più come la prima volta.

La copertina di ''Europop'', primo album degli Eiffel 65 (1999)
immagine da music.apple.com

Con "I wanna be" è stato diverso: ho riprovato la stessa sensazione di quando, a diciassette anni, intercettai "Move your body" alla radio: un pezzo orecchiabile, simile a "Blue (Da Ba Dee)" ma nuovo, mai sentito. E probabilmente "I wanna be" è ancor più melodica delle precedenti tanto che, fatta sentire a un ragazzo del 1990, è stata associata ai motivetti che accompagnavano i replay di "Pro Evolution Soccer" nelle scorse edizioni.

"Voglio essere essere lontano, così posso essere essere a casa": a cantare era un alieno blu e tutti ballavano, seguendo con la testa la melodia del synth. E intanto, in un videoclip  da Playstation scorrono immagini ingenue e naive di una giovinezza semplice, spensierata, e ben lontana dallo sfoggio di ricchezze e dagli atteggiamenti da gangster/agganciatrice ormai immancabili nei vari "brani da classifica". I giovani di oggi sono peggiori? No, sono nati in un altro contesto: per certi versi saranno avvantaggiati dalla tecnologia, ma per altri passeranno un'adolescenza senz'altro più sfortunata.

E voi? Conoscevate "I wanna be"? Che ricordi avete degli Eiffel 65 e del loro periodo?
Scrivetelo nei commenti!

Nino Baldan



Leggi anche:

. "Nowhere land": l'omaggio della dance anni '90 a "La storia infinita"

. "Paris Latino" dei Factory Team: una gemma nascosta della dance anni '90

. Billy More - la bigrafia definitiva

Tutti i post sulla dance anni '90


Tutti i post sugli anni '90

6 commenti:

  1. Molto interessante Nino. Ignoravo quasi tutto. Grazie!

    RispondiElimina
  2. Pur essendo abbastanza esperto di musica dance anni '90 questa proprio mi mancava :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono onorato di averti fatto scoprire qualcosa di nuovo :)
      E spero di aver fatto provare anche a te il senso di "jamais vu" che è emerso nel sottoscritto..."I wanna be" mi ha fatto tornare indietro di 20 anni, come quando questi brani li sentivo per la prima volta ;)

      Elimina
  3. Agganciatrice ahahaha! XD
    Comunque, no, non la conoscevo.
    Ignoravo del tutto la questione e penso anche io che sia uno scarto degli Eiffel... ci sta, come giochino per i fans.
    Però boh, non l'ho mai davvero sentita, né ricordo il video (davvero, eh, questa grafica è invecchiata terribilmente, al confronto con gli effetti del passato).

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, caro Miki, questa CG è invecchiata malissimo... ricordi quando rappresentava "il top" della tecnologia soprattutto se paragonata alla grafica in-game dei giochi per Playstation? Quanti titoli puntavano a "stupire" presentando introduzioni di quel tipo? :D

      Spero che la canzone ti sia piaciuta... :) considero "I wanna be" anche migliore di "Blue (Da Ba Dee)": più melodica ed elaborata al punto da ricordare quasi un canto liturgico :D

      Elimina