La bella sorpresa: aperto a Sant’Antonin ‘Punto Eat’, nuovo alimentari - su ''La Voce di Venezia" | Nino Baldan - Il Blog

CERCA TRA I POST DEL BLOG

4 marzo 2020

La bella sorpresa: aperto a Sant’Antonin ‘Punto Eat’, nuovo alimentari - su ''La Voce di Venezia"

Sabrina alla cassa del ''Punto Eat'' di Sant'Antonin, il nuovo negozio di alimentari di Venezia

In una città qualunque, l'apertura di un negozio di alimentari passerebbe quasi inosservata, ma quando si parla di Venezia, luogo ormai stravolto dalla monocultura turistica, la notizia assume tutt'altri crismi. Sono andato a trovare Gino e Sabrina, i due coniugi che in Salizada Sant'Antonin hanno deciso di scommettere su "Punto Eat": un'attività su misura per i residenti.

Clicca qui per leggere l'articolo

Ringrazio come sempre Paolo Pradolin, Mattia Cagalli e la redazione del giornale per lo spazio che mi è stato riservato!

Nino Baldan


Leggi anche:

10 attività veneziane scomparse (sedicesima puntata)

. 10 attività veneziane scomparse (prima puntata)

. La Voce di Venezia (sito ufficiale)

Tutti i post su Venezia

10 commenti:

  1. Veramente una bella notizia..e ora mi è venuta fame :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un fatto più unico che raro, ormai, nel Centro Storico... Gino e Sabrina meritano tutto il sostegno possibile :)
      P.S.: io ci sono appena stato :P

      Elimina
  2. Mi ricordo che a fine anni 80 primi anni 90 quei locali divennero un primo minimarket/alimentari (prima di allora non mi sovviene cosa ci fosse), ad opera del mitico Berto Maier, una vera istituzione della Bragora, che prima era il gestore di un negozietto più piccolo in Salizada del Pignater, vicino al Sotoportego dei preti. Quindi per alcuni anni nei locali di Sant Antonin, rimasero Maier e famiglia nel minimarket, successivamente subentrò Femio, sempre alimentari, almeno fino al 2006/7 credo, poi Non sono rimasto più aggiornato 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io andavo alla Bragora da piccolo per trovare mia nonna, e lì ho sempre visto l'alimentari :)
      Anzi non sapevo che prima fosse in Salizada del Pignater :)
      Ricordo che negli ultimi tempi ci fosse solto il gestore, che si occupava sia di affettare che di fare i conti in cassa, poi chiuse e aprì Strabon, una "gastrononia gourmet" che lasció a sua volta il posto ai prodotti per l'igiene Prodet.
      E rivedere un alimentari a Sant'Antonin ci fa in qualche modo riassaporare i tempi della nostra infanzia :)

      Elimina
  3. Indubbiamente è una bella aggiunta al 'quartiere', sarà utile alla vita quotidiana dei pochi abitanti rimasti e comunque anche ai diversi studenti che abitano nei vari appartamenti e devono pur cibarsi 😊Vero, mi ricordo, ora che ci penso, la poco fortunata gastronomia Gourmet (credo qualcosa di simile a quel negozio vicino a Campo della Guerra, accanto al ponte) e poi gli articoli per l'igiene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gastronomia gourmet, forse, avrebbe avuto più presa in un quartiere più "centrale" come San Marco :) ma per Sant'Antonin un negozio di alimentari è perfetto... :) sì, i residenti sono pochi, ma ancora ci sono... e in un periodo di incertezze come questo sono gli unici clienti sicuri

      Elimina
  4. Ps alla fine caro Nino verrà fuori che conoscevo tua nonna, abitando lei nella zona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avrai vista in giro di sicuro :) Lei era fissa nella zona di San Martino, ma spesso "sconfinava" anche alla Bragora :D

      Elimina
    2. Beh San Martino, due minuti di strada dai 😊Avevo tanti amici che abitavano anche lì.

      Elimina