Incontro con Federico, l'ultimo gestore di Molin, il Ponte dei Giocattoli - su "La Voce di Venezia" | Nino Baldan - Il Blog

CERCA TRA I POST DEL BLOG

28 luglio 2019

Incontro con Federico, l'ultimo gestore di Molin, il Ponte dei Giocattoli - su "La Voce di Venezia"

Federico Bentsik e famiglia ai tempi di Molin, il Ponte dei Giocattoli di Venezia

La foto di Roberto Catullo e del compianto Ettore Lagomarsino ci riporta al 2007, anno della chiusura definitiva di una delle attività più amate dai Veneziani: sto parlando di Molin, il "Ponte dei Giocattoli" che per generazioni ha fatto sognare i bambini della città.
Fu qui scoprii NES e Super Nintendo, oltre a rifornirmi di pezzi per le Mini 4WD.

12 anni dopo ho incontrato Federico, l'ultimo gestore del negozio.

Clicca qui per leggere l'articolo

Oltre a Paolo Pradolin, Mattia Cagalli e l'intera redazione del giornale, ringrazio Federico Bentsik per la sua disponibilità e Roberto Catullo, che mi ha fornito la documentazione inedita realizzata con Ettore Lagomarsino.  
Ciao Ettore e grazie.

Nino Baldan


Leggi anche:

. Il mio saluto a Ettore Lagomarsino su "La Voce di Venezia"

10 attività veneziane scomparse (sedicesima puntata)

. 10 attività veneziane scomparse (prima puntata)

. La Voce di Venezia (sito ufficiale)

Tutti i post su Venezia

4 commenti:

  1. Articolo scritto con molta delicatezza e poesia, grande Nino! Un luogo carico di suggestioni e ricordi, il ponte dei giocattoli. Ricordo che lì comprai, o meglio, mi feci comprare da bambino i primi pupazzetti dei Puffi e degli Snorkies. Poi, diciamo negli anni delle medie, le prime squadre di Subbuteo (erano posizionate in fondo a sinistra,rispetto all'ingresso, impilate una sull'altra...). Mi ricordo anch'io della postazione per provare i videogiochi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco e grazie!
      Ricordo anche io le squadre del Subbuteo impilate sul retro a sinistra! E quando uscì il Venezia in maglia arancioneroverde, le scatole furono tutte esposte in vetrina!

      Molin fu un luogo magico per tutti i bambini della città... mi chiedo quale negozio, quale attività lo abbia sostituito nell'immaginazione dei pochi infanti rimasti a Venezia.

      Elimina
  2. Molto bello il tuo articolo, bei ricordi che si riallacciano poi con tante cose che già avevi detto e scritto.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Miki!

      Per noi Veneziani è ancora più difficile essere nostalgici, vista la radicale trasformazione che la città ha subito negli ultimi anni. La Venezia che conoscevamo, quella dei nostri ricordi d'infanzia, è stata completamente cancellata.

      Ed è nostro dovere conservarne almeno il ricordo: per le nuove generazioni "Molin" e "Ponte dei giocattoli" sono parole che ormai non significano più nulla.

      Elimina