Matteo Renzi a "La ruota della fortuna" (momenti televisivi) | Nino Baldan - Il Blog

CERCA TRA I POST DEL BLOG

13 febbraio 2015

Matteo Renzi a "La ruota della fortuna" (momenti televisivi)

Un giovane Matteo Renzi con Mike Bongiorno a "La ruota della fortuna"

Dopo il post 3 incidenti tra wrestling e mondo dello spettacolo, vi dò il benvenuto in questa nuova rubrica denominata "momenti televisivi", che va a ripercorrere situazioni strane e paradossali avvenute nel corso della storia della televisione.
Nel nostro primo appuntamento andremo a riscoprire il passato di Matteo Renzi come concorrente della trasmissione "La ruota della fortuna", condotta all'epoca da Mike Bongiorno.

Secondo Libero, Nicola Bovoli, zio materno di Renzi, viveva a Milano 2 e lavorava per la Fininvest: nel 1993 fu l'inventore di Quizzy, il telecomando che permetteva agli spettatori di partecipare ai quiz direttamente da casa (per un prezzo dell'apparecchio di 39.800 lire).

il telecomando Quizzy
immagine da davidemaggio.it

Ad un certo punto, il buon Bovoli propose a Mike Bongiorno la partecipazione del nipote Matteo, indicandolo come un "ragazzo vispo": fece le selezioni e fu preso.

Così, ancora diciannovenne, nel 1994 partecipò a "La ruota della fortuna", presentandosi con un look da primo della classe: giacca, cravatta e occhialini da vista. Il futuro premier presenziò per cinque puntate consecutive, finché venne eliminato per aver pronunciato "navi" anziché "nevi", e ottenendo una bella ramanzina del re dei quiz.

Ma al futuro premier tutto sommato non andò male: la sua esperienza come concorrente gli permise di lasciare la trasmissione con un malloppo non indifferente di 48 milioni e 400 mila lire.


"Stuzzicato" da un utente, fu lo stesso Renzi a tornare sull'argomento durante una puntata di "#matteorisponde" del 2013.


Nino Baldan


Articolo sucessivo:
Matteo Salvini a "Doppio Slalom" e "La cena è servita"

Articolo precedente:
3 incidenti tra wrestling e mondo dello spettacolo


Leggi anche:

Le 4 volte in cui Maurizio Mosca fece "arrestare" i telespettatori

Nessun commento:

Posta un commento