Anthony - Africa (Italo Disco saturday) | Nino Baldan - Il Blog

CERCA TRA I POST DEL BLOG

13 luglio 2019

Anthony - Africa (Italo Disco saturday)

La copertina Italo Disco anni '80 di "Africa" di Anthony

È con grande piacere che inauguro "Italo Disco saturday", nuova rubrica fissa del sabato! Fino a fine agosto proporrò settimanalmente un brano Italo Disco anni '80 raro, particolare o semplicemente molto orecchiabile nell'intenzione di riascoltarlo, condividerlo e salvarlo dall'oblio che altrimenti l'avrebbe divorato.

Il pezzo che andrò a recuperare oggi si intitola "Africa", pubblicato nel 1986 dalla Disco Magic e interpretato da tal Anthony.
Ed è dannatamente melodico, tanto da sembrar tratto da un videogame dell'epoca.

Nel caso di "Africa", parliamo di una canzone che nel corso degli anni non è riuscita a ritagliarsi il suo posto tra i classici del genere: se escludiamo i nomi degli autori, Antonio Biolcati (cugino di Milva) e Marius Percali, mi è stato difficile reperire online qualsiasi altra informazione che la riguardasse.

Come dicevo in apertura, si tratta di un pezzo profondamente melodico, con un ritmo accattivante che accenna fiati e percussioni africane in un contesto-synth esageratamente ottantino. E nonostante il titolo, non si tratta di una canzone etnica come sarebbe stato in voga nel decennio successivo bensì dell'esatto contrario: questo brano negli anni '80 ci è dentro fino al collo (e forse anche oltre), con melodia e accompagnamento che farebbero sicuramente piacere agli appassionati di retrogaming.

Diversamente dalla media del genere, "Africa" possiede anche un'ottima interpretazione canora: visti il contesto e il timbro vocale, questo "Anthony" potrebbe essere davvero un Africano che celebra il suo amore e la nostalgia per la propria terra.

Anthony - Africa (1986)


Ecco a voi il testo completo della canzone:

When I'm into my love
I remember Africa
When I thought you're so deep
I feel heat, oh Africa

I've always dreamt
To come back to that land
Where I was making love
On the deep plain at night

When I feel my heart beat
I remember Africa
If I told you its skin
Seems so lighter, Africa

I remember the moon smiled
Out of love
Lay down on the beach
Groove it, be the way

Our love is wonderful
When I can cry
To the world "I will love you tonight"

I look in your eyes
When you're weeping for joy
Dare to love you, love you tonight

Our love is a stranger
Without command is
My heart will have you back
Don't dare it tonight

The love is spacing
The weather is lazy
You'd better shake to make it
Stronger than now

When I feel my heart beat
I remember Africa
If I told you its skin
Seems so lighter, Africa

I remember the moon smiled
Out of love
Lay down on the beach
Groove it, be the way

Our love is wonderful
When I can cry
To the world "I will love you tonight"

I look in your eyes
When you're weeping for joy
Dare to love you, love you tonight

Our love is a stranger
Without command is
My heart will have you back
Don't dare it tonight

The love is spacing
The weather is lazy
You'd better shake to make it
Stronger than now

When I feel my heart beat
I remember Africa
If I told you its skin
Seems so lighter, Africa

I remember the moon smiled
Out of love
Lay down on the beach
Groove it, be the way

Our love is wonderful
When I can cry
To the world "I will love you tonight"

I look in your eyes
When you're weeping for joy
Dare to love you, love you tonight

Our love is a stranger
Without command is
My heart will have you back
Don't dare it tonight

The love is spacing
The weather is lazy
You'd better shake to make it
Stronger than now

Per le lyrics i credits vanno a gurulandia.it


Avete maggiori informazioni su "Africa" di Anthony? Il pezzo vi è piaciuto?
Volete segnalare qualche altra canzone non troppo conosciuta?
Fatelo sapere nei commenti! 

Nino Baldan


Articolo successivo:
. Jennifer Munday - Invisible


Leggi anche:

. Italo Disco: la mia tesina universitaria

. 5 brani dance strumentali degli anni '80

. Den Harrow - la biografia definitiva

Tutti i post sulla Italo Disco

6 commenti:

  1. Madonna che pezzone!
    Mai sentito, vero, bellissimo e orecchiabilissimo.
    Ma quanto eravamo riusciti, noi italiani, a star dentro il mood musicale anni '80? Assurdo.
    Immagino che il radio-edit di questo pezzo fosse tagliato nell'inizio, altrimenti si sarebbe sentita la voce dopo tre ore!

    P.s. io già qui avrei però inserito un paio di dettagli etnici...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Miki per il tuo apprezzamento :) ti avviso fin d'ora che TUTTI i pezzi dei quali parleró in questa rubrica sono melodici almeno quanto questo, quindi non perderli ;)

      Per quanto riguarda i dettagli etnici... La Italo Disco è così :D

      Ci sono richiami all'Africa (i fiati e le percussioni), ma appena accennati: il synth doveva sempre fare da padrone, perchè erano gli anni '80 e le orecchie dell'ascoltatore volevano questo.
      Ricordiamo che la cosiddetta world music non era ancora stata sdoganata... :)

      Elimina
    2. Sì, certamente! Però ecco, ci avrei aggiunto qualcosa alla Africa dei Toto, diciamo^^

      Moz-

      Elimina
    3. Sentirai nei prossimi appuntamenti altri pezzi "ispirati" ad un determinato luogo o tema, con la "citazione" che si limita ad un singolo campionamento. :)

      Elimina
  2. Ammetto che non lo conoscevo (o forse solo non lo ricordavo).
    Comunque aggiungo solo S-P-E-T-T-A-C-O-L-O!
    Grazie per avermelo fatto conoscere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver espresso il tuo apprezzamento! :)

      Il filone Italo-Disco conta centinaia, forse migliaia di produzioni: come saprai anche tu, non sempre le canzoni più "famose" sono anche le migliori!
      Anzi, a volte dei pezzi insignificanti vengono forzatamente spinti dalle radio, a discapito di altri decisamente più meritevoli che di conseguenza finiscono nel dimenticatoio...

      E se ti è piaciuto questo, preparati ai brani che segnaleró nelle prossime puntate! ;)

      Elimina